I devoti e il santuario

I devoti e il santuarioL’erezione del tempio fu vissuta con senso di partecipazione da tutta la comunità cittadina proprio perché si trattava di un santuario dedicato ai Santi Medici.
L’ansia ed il desiderio di portare a buon fine l’opera e
di accorciare i tempi di realizzazione ricorrendo a tutti gli espedienti possibili per il reperimento di nuovi fondi e per non far subire nessuna interruzione ai lavori ci viene testimoniato dai tanti appelli ed articoli apparsi su “Lo Scudo”. Dei tanti pezzi abbiamo estrapolato il seguente datato 27 febbraio 1957:

LA NUOVA CHIESA DEI SS. MEDICI
COSIMO E DAMIANO
I DEVOTI E IL NUOVO SANTUARIO
Ormai in Ostuni non c’è personaggio che non sappia della nuova chiesa che sorge nel rione Barco. Da tanti anni Ostuni attendeva il suo Santuario: sorge proprio in quest’anno, quando il sacrificio richiesto è più grande. In ogni tempo grande è stata la fede e la devozione di tutti gli Ostunesi verso i SS. Medici. Ora è il banco di prova. Il 1957 vedrà ultimato il nuovo santuario?

Lo Stato ha dato molto, ma non ha dato tutto; il resto lo devono fare i devoti nel corso di questo anno.
Il 1957 è l’anno che ha impegnato il nostro onore dinanzi ai Santi tante e tante volte invocati e che ora attendono questo attestato della nostra devozione. Abbiamo saputo di un giovine che nel giorno del compleanno ha devoluto per il nuovo Santuario quello che doveva spendere per la torta con le candeline di rito.
Una madre, per la nascita del suo bambino, non avendo altro, ha offerto la sua fede nuziale…Vorremmo che tutti gli ostunesi ed i devoti dei SS. Medici con intelligente pietà, seguano questi esempi…

Condividi su:   Facebook Twitter Google